The Time is NOW

Lun, 05/03/2018 - 13:47

Tempo di elezioni, tempo di esprimere una preferenza con una X.  Tempo di essere messi di fronte ad una scelta che poi non è nemmeno una vera e propria scelta se ci si pensa bene. Si deve scegliere per il meno peggio… come se ti dicessero “è rimasto solo questo che ti pigli?”. Ecco, ieri sera una delle mie amiche alla domanda: “hai votato?” ha risposto: “Sì, sono andata a votare ma ho lasciato scheda bianca!”. Beh ma che caxxo significa? Penso io! Significa che ci sono tanto quanto non ci sono perché è normale che sia così, perché ormai ci siamo nella stessa misura in cui non ci siamo veramente. È come un uomo, e non ditemi che non li conoscete quei tipi, dicevo come un uomo che c’è solo perché ti dà il buon giorno e la buona notte via messaggio, o uno di quelli che a volte partecipa alla tua vita senza saperne proprio nulla ma ha partecipato a quel momento. Come quella volta che incontri qualcuno e che quasi quasi ti sembra un regalo inaspettato ma che poi preferisce lasciarti la carta regalo stropicciata e andarsene. E non è che tu non lo viva come uno strappo quel gesto di andare. Non è mai tempo di esserci veramente perché quello che dura veramente di più è proprio chi sceglie di andare, chi ci sfugge, chi non parla chiaramente, chi ti ama a metà. E così ti ritrovi ad abbracciare nuvole che un giorno, in un determinato tempo, quasi sempre inaspettato non reggono il peso e allora piove o… o nevica. E tutto cade dal cielo per arrivare a terra e asciugarsi e dissolversi e lì… lì è il tempo in cui lo capisci che ieri è andato e domani è troppo tardi. Lì in quella frazione temporale lo capisci che il momento di esserci è solo ora altrimenti sei una scheda bianca tra tante schede con la X sul meno peggio, altrimenti ci sei nella stessa misura in cui non ci sei e se sei chiamato a votare non puoi non esprimere la tua presenza senza esserci!

#THE TIME IS NOW

#yesterday is over

#tomorrow is too late