Blog

ukglamorous

Senza chiamare un sarto...

“Ma tu, che cosa vuoi? Prova a dirmelo perché, io, ancora non l’ho capito!”

Con questa domanda mi sono addormentata ieri sera e per un bel po’, prima che mettessi la mente in modalità aereo, ho cercato di rispondermi. Sappiamo veramente cosa vogliamo? O stiamo semplicemente facendo spinning con i nostri desideri? Perché a me pare proprio che funzioni esattamente come quando esci di casa con l’intento di fare un po’ di window shopping, poi dalla vetrina… oops inciampi dentro il negozio e non sai no cosa stai cercando. Non ti serve effettivamente nulla ma poi vedi qualcosa, qualcosa che rende evidente quel desiderio che nemmeno hai fatto in tempo a formulare nella testa. E lo vuoi, ti accorgi che lo vuoi e mentre ti avvicini al camerino per provarlo non ti poni neanche il dubbio che non ti stia bene, che non sia della tua taglia o che faccia difetto da qualche parte. No, non te lo chiedi proprio…

festa della donna

D di Donna!

Se ti capita di incontrarla non lasciarla andare anche quando tutto ti dice di andartene. Se ti capita di abbracciarla non essere altrove perché lei è solo lì anche quando ha la netta sensazione che ci sarà qualcosa che andrà a finir male. Se ti capita di amarla non chiederti perché, lei non si sta interrogando ma solo perdendo nella richiesta dell’ancora, ancora, ancora e ancora perché quell’amore non le basterà mai tanto grande è la sua domanda. Se non accetta un no ricordati che è la stessa persona che piangeva leggendo un libro, se ti fa una piazzata a tutto volume inserendo anche qualche insulto bizzarro ricordati che ieri stavate ridendo assieme. Se ti capita di incontrarla hai appena conosciuto la vita.

The Time is NOW

Tempo di elezioni, tempo di esprimere una preferenza con una X.  Tempo di essere messi di fronte ad una scelta che poi non è nemmeno una vera e propria scelta se ci si pensa bene. Si deve scegliere per il meno peggio… come se ti dicessero “è rimasto solo questo che ti pigli?”. Ecco, ieri sera una delle mie amiche alla domanda: “hai votato?” ha risposto: “Sì, sono andata a votare ma ho lasciato scheda bianca!”. Beh ma che caxxo significa? Penso io! Significa che ci sono tanto quanto non ci sono perché è normale che sia così, perché ormai ci siamo nella stessa misura in cui non ci siamo veramente. È come un uomo, e non ditemi che non li conoscete quei tipi, dicevo come un uomo che c’è solo perché ti dà il buon giorno e la buona notte via messaggio, o uno di quelli che a volte partecipa alla tua vita senza saperne proprio nulla ma ha partecipato a quel momento.

T-SHIRT-EPISODIO-PLAY-STOP-TILT-CORTOCIRCUITO

PLAY THE MOMENTS

Un episodio è “un frammento narrativo di una serie televisiva o cinematografica e a differenza della puntata è autonomo e autoconclusivo”. Autoconclusivo, appunto! È un po’ come iniziare qualcosa che sai andrà a finire ma nonostante tu intraveda la fine ti si appiccica la voglia impellente di premere il PLAY di quella cosa. Ma quando arriva il momento dello STOP? Quand’è che è veramente il momento di premere lo STOP? Perché durante quel PLAY il tuo cervello è in cortocircuito e nonostante lo stato di tilt sta registrando le tue emozioni, le tue sensazioni, le aspettative… sta immagazzinando e catalogando quei frammenti di vita che hai dovuto arrestare esattamente come quando un sistema operativo va in blocco.

Da non perdere!