Blog

felpa ukglamorous

Mi sento la mezzanotte dentro

A volte è solo questione di tempismo. E nemmeno ce ne accorgiamo di quel granello di tempo in cui tutto è cambiato e non fa essere nulla come prima. Se esiste una cosa folle come il fuso orario allora esiste anche il granello di tempo in cui avviene il crash e non te ne sei nemmeno reso conto. Dovevo atterrare alle 17:20, sì ma alle 17:20 inglesi e non italiane, perché di fatto sono atterrata alle 18:20 in perfetto orario, inconsapevole di quando quest’ora in più sia scattata nella mia vita. Ehi ma quella frazione chiamata granello di tempo in cui la lancetta si è spostata dov’è andata? È esistita? E quel che stavo facendo durante quell’inconsapevole passaggio dov’è? E poi… e poi… e poi l’ora legale. Inevitabile che questa mattina io mi chiedessi che cosa ne è stato di quelle due ore spare della mia vita!

ukglamorous

Senza chiamare un sarto...

“Ma tu, che cosa vuoi? Prova a dirmelo perché, io, ancora non l’ho capito!”

Con questa domanda mi sono addormentata ieri sera e per un bel po’, prima che mettessi la mente in modalità aereo, ho cercato di rispondermi. Sappiamo veramente cosa vogliamo? O stiamo semplicemente facendo spinning con i nostri desideri? Perché a me pare proprio che funzioni esattamente come quando esci di casa con l’intento di fare un po’ di window shopping, poi dalla vetrina… oops inciampi dentro il negozio e non sai no cosa stai cercando. Non ti serve effettivamente nulla ma poi vedi qualcosa, qualcosa che rende evidente quel desiderio che nemmeno hai fatto in tempo a formulare nella testa. E lo vuoi, ti accorgi che lo vuoi e mentre ti avvicini al camerino per provarlo non ti poni neanche il dubbio che non ti stia bene, che non sia della tua taglia o che faccia difetto da qualche parte. No, non te lo chiedi proprio…

Era proprio destino

Star-crossed people

Quasi sempre giustifichiamo certi avvenimenti della nostra vita utilizzando la frase “era proprio destino”. Mentre guardo fuori dal finestrino e vedo scivolare via luoghi, fermate e persone mi chiedo se veramente sia così. Siamo noi a determinare il nostro destino con i nostri comportamenti, le nostre scelte, le persone che frequentiamo e soprattutto i nostri errori o è veramente il destino che manovra i nostri comportamenti? magari mettendoci di fronte ad una scelta, facendoci incontrare qualcuno o presentandoci un piccolo esame in cui o veniamo promossi o bocciati in base alle nostre abilità? E mentre rifletto mi viene in mente il modo in cui Shakespeare inchioda Romeo e Giulietta nella sua opera: a pair of star-crossed lovers. Intraducibile in italiano se non banalmente con un una coppia di amanti sfortunati. Una coppia influenzata dalle stelle, predestinata… perché quando non riesci a trovare il senso dai la colpa alle stelle, alla luna, al destino appunto.